chi sono

Dott. Stefano Andreoli

che qualcosa non sta funzionando correttamente all'interno della persona(come una sorta di allarme salvavita), che quella parte di sè sana, ancora presente, preme per comunicare un messaggio da decifrare. Ed è in questo momento, in questa circostanza poco piacevole, che alla persona viene donata una preziosissima opportunità: o scacciar via la sofferenza e tentare di sedarla a priori con uno dei tanti antinfiammatori e distrazioni che la società ("cosiddetta sana" come scriveva Erich Fromm) ha da offrire nel suo pacchetto patologico odierno , oppure utilizzare quel disagio come forza e strumento di ricerca, scoperta e rivoluzione di sè. E la Psicoanalisi in questo obiettivo è eccezionalmente unica: trasformare in senso attivo questo disagio vissuto passivamente e intrusivo, cercando e amplificando quella parte intima, profonda di sè che anela alla crescita, da cui proviene la vitalità, la creatività, l'Eros che ogni essere umano porta in nuce dentro di sè. Dicono che l'idiogramma cinese di "crisi" significhi anche "momento cruciale": la psicoanalisi non fa altro che cercare di rimuovere gli ostacoli e le barriere che impediscono all'uomo di essere libero di scegliere e di esprimere se stesso.

La psicoanalisi infatti rappresenta il migliore strumento a disposizione del mondo occidentale per quanto concerne il potere conoscitivo e trasformativo sulla persona nella sua globalità: da sempre ha il merito di dare spazio e fare luce sulla parte più oscura dell'uomo, nel tentativo di toccare l'intima profondità che per definizione, è sempre ignota. Dunque nell'ottica dei recenti sviluppi della psicoanalisi relazionale, il dialogo terapeutico con la persona considera cura e crescita personale come un unico processo unitario, preservando l'attenzione sia sulla risoluzione dei sintomi che sugli aspetti conoscitivi-esistenziali, e costituendo quindi la via regia per la conoscenza di se stessi, il rafforzamento della personalità e la risoluzione del sintomo, al fine di raggiungere nuovi adattamenti più funzionali e duraturi.

Ho lavorato inoltre nell'ambito della formazione di gruppi e nel contesto aziendale, ho collaborato con associazioni umanitarie, e ho condotto attività esperienziali ed educative rivolte ad adolescenti per il sostegno, la crescita e la gestione del disagio giovanile.

Formazione professionalizzante presso l'USL di Bologna in NPI (neuropsichiatria infantile), CSM (centro salute mentale), Consultorio Famigliare e Spazio Giovani.

Perennemente in formazione e in aggiornamento sugli sviluppi scientifici della disciplina, sono appassionato di letteratura, cinema e musica, ambiti anch'essi molto vicini a quel grande mistero affascinante che è l'essere umano.

Sono Psicologo Clinico (#8529 Emilia Romagna), proveniente da studi filosofici e letterari, specializzando Psicoterapeuta e Psicoanalista (IFPS).

Tutta la mia attività professionale ruota attorno alla psicologia clinica e allo studio approfondito e continuativo della materia, fornendo consulenza psicologica privata a singoli (di ogni età), famiglie e coppie, al fine di migliorare la propria conoscenza di se stessi, offrire aiuto concreto per problematiche, disagio e sintomi, e fornire supporto psicologico durante particolari periodi di crisi in cui sono necessari nuovi adattamenti.

Quando sopraggiunge il sintomo (causando disagio, sofferenza), questo rappresenta il segnale

"Le parole erano originariamente incantesimi, e la parola ha conservato ancora oggi molto del suo antico potere magico. Con le parole un uomo può rendere felice un altro o spingerlo alla disperazione, con le parole l’insegnante trasmette il suo sapere agli studenti, con le parole l’oratore trascina l’uditorio con sé e ne determina i giudizi e le decisioni. Le parole suscitano affetti e sono il mezzo generale con cui gli uomini si influenzano reciprocamente. Non disdegneremo dunque l’utilizzo delle parole nella psicoterapia e saremo contenti di poter ascoltare le parole che vengono scambiate tra analista e paziente."

s.freud

Psicologia, Psicoterapia e Psicoanalisi

© 2015 Created by Dott. Stefano Andreoli - Psicologo Clinico    P.Iva: 03533310367