Blog E ARTICOLI: POST

  • Dott. Stefano Andreoli

La stanza del figlio (2001) di N. Moretti



Dopo aver sottoposto a disamina la cultura giovanile degli anni '70 ("Ecce bombo", 1978), il cinema cosiddetto impegnato ("Sogni d'oro", 1981), le basi della religione cattolica ("La messa é finita", 1985) e il sogno marxista ("Palombella rossa", 1990), con "La stanza del figlio" del 2001, Nanni Moretti volge un attento sguardo critico anche alla Psicoanalisi (in una rappresentazione forse oramai un po' antiquata e stereotipata, frutto di un fare e di un vivere per troppo tempo la psicoanalisi in modo un po' mortifero), scoprendone le falle, la crisi, i limiti, proprio attraverso i temi più cari alla stessa disciplina: il trauma, il lutto, l'impotenza, il vuoto, il dolore.


Ecco una splendida analisi di questo straordinario film da parte dello psicoanalista Sergio Benvenuto.

http://www.psychomedia.it/pm/culture/cinema/benvenuto.htm


Intervista a Nanni Moretti sul film, condotta da David Grieco

11 visualizzazioni